Logo

Tra le competenze di questa Direzione Generale, assumono particolare importanza i “Premi Nazionali per la Traduzione”, istituiti con D.M. 4 febbraio 1988.

I Premi si inquadrano in un variegato e complesso organico di iniziative con le quali si vuole riaffermare il riconoscimento del valore sostanziale del ruolo della traduzione, nella consapevolezza dell’assoluta rilevanza che le attività traduttorie assumono in contesto internazionale.

I Premi che, come avviene in altri Paesi, rappresentano il massimo riconoscimento dello Stato a favore di quanti sono impegnati in un'attività che si configura come insostituibile dialogo tra culture diverse, sono posti sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

 

Secondo il dettato del Decreto istitutivo, i Premi vengono conferiti annualmente da un’apposita Commissione. Questa, presieduta dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, composta da rappresentanti dell’Amministrazione, dalle Associazioni di Categoria (traduttori, interpreti e doppiatori) e da esperti di varie discipline linguistiche, premia i traduttori e gli editori stranieri che abbiano fornito importanti e significativi contributi alla diffusione e alla valorizzazione della cultura italiana all’estero e traduttori e editori italiani che abbiano contribuito grazie al loro elevato apporto professionale, alla diffusione in Italia di opere straniere di particolare valore, importanza e originalità.

Le modalità di accesso e partecipazione ai Premi Nazionali per le Traduzioni sono regolate dalla circolare n. 9/2011.

Per informazioni:
Dott. Andrea Sabatini
tel. 06.67235084
email: andrea.sabatini@beniculturali.it

Leggi anche:
Premi Nazionali per la traduzione edizione 2015
I premi riferiti all’edizione 2014
I Premiati dell'edizione 2013
I Premiati dell'edizione 2012
I Premiati delle edizioni 2003-2011




Link


Documenti
Circolare n.9/2011
(documento in formato pdf, peso 1Mb)



Contenuti correlati