Denominazione+CondividiSu
Denominazione CondividiSu

Biblioteca Reale

Tabella: Scheda di dettaglio diBiblioteca Reale
Descrizione Dettaglio
Logo Biblioteca Reale
Direttore Giuseppina Mussari
Sito web https://www.museireali.beniculturali.it/biblioteca-reale/
Telefono (+39) 01119211630
eMail mr-to.bibliotecareale@beniculturali.it
Indirizzo Piazza Castello, 191
Cap 10122
Comune TORINO
Città Torino
Provincia Torino
Regione Piemonte
Orario

Lunedì al Venerdì: 8.15 - 18.45;
Sabato: 8.15 - 13.45

La Biblioteca è chiusa tutte le Domeniche, il 1° e il 6 Gennaio, il Lunedì di Pasqua, il 25 Aprile, il 1° Maggio, il 2 e il 24 Giugno, il 15 Agosto, il 1° Novembre, l’8, il 25 e il 26 Dicembre.

In Agosto la Biblioteca chiude per 15 giorni per lavori di revisione. In tale periodo è unicamente possibile la consultazione dei cataloghi con orario ridotto.

Accesso

La consultazione è consentita agli studiosi maggiorenni. La consultazione di opere rare e di pregio è subordinata alla presentazione di un documento di identità valido e di adeguate credenziali.

Servizi

Assistenza e orientamento
SBN: Interrogazioni catalogo con l’assistenza del personale di sala
Informazioni bibliografiche
Riproduzioni fotografiche
Fotocopie
Consultazione e stampa di microfilm.

Storia

La Biblioteca Reale è inserita nel complesso del Palazzo Reale di Torino, in un raffinato ambiente scelto nel 1837 dal suo fondatore, il re di Sardegna Carlo Alberto, e progettato dall’architetto di corte Pelagio Palagi. L’atmosfera del Salone, dalla volta affrescata secondo il gusto neoclassico, riconduce idealmente alla “Wunderkammer” dei duchi di Savoia ed è arricchita dai tesori delle collezioni bibliografiche cresciute negli anni attraverso contatti con le maggiori capitali europee.
Con il finanziamento della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino, nel Novembre 1998 è stata inaugurata la Sala Leonardo, una nuova sala espositiva realizzata con le più moderne tecnologie museali su progetto dagli architetti Roberto Pagliero, Stefano Trucco e Roberto Vincenzi. Grazie ad essa, e ai restauri conservativi e funzionali effettuati negli ultimi anni, l’Istituzione può oggi valorizzare al meglio il proprio patrimonio grazie alla costante periodicità di mostre tematiche e a iniziative di grande apertura culturale.

Patrimonio

Attualmente la Biblioteca conserva circa 200.000 volumi, 4.500 manoscritti, 3.055 disegni, 187 incunaboli, 5.019 cinquecentine, 1.500 pergamene, 1.112 periodici, 400 album fotografici, carte geografiche, incisioni e stampe.
Le raccolte continuano ad essere incrementate con acquisti sul mercato antiquario.
La maggioranza delle opere presenti nella Biblioteca Reale appartiene alle raccolte storiche di Casa Savoia.

Fondi

I manoscritti sono conservati nei seguenti fondi:
Varia, Storia patria, Militari, Orientali, Storia d’Italia, Miscellanea Patria, Vernazza, Saluzzo, Casa Savoia, Pergamene patrie.

Fra i disegni si segnala la collezione di circa 2000 disegni di antichi maestri, acquistata nel 1840. Della collezione fanno parte anche 13 fogli di Leonardo da Vinci, fra i quali il famoso Autoritratto e il Codice sul volo degli uccelli.

Si custodiscono i seguenti archivi:
Archivio Luserna d'Angrogna, Archivio Scarampi di Villanova, Archivio Promis, Archivio Mossi, Archivio Begey.
 
Di particolare interesse risultano i seguenti fondi:
FONDO SALUZZO - raccolta militare di Cesare Saluzzo (già appartenuta al Duca di Genova), acquistata nel 1952 e costituita da 17.000 opere a stampa, manoscritti, incunaboli, atlanti e carte geografiche;
FONDO PALLAVICINO MOSSI - acquisito nel 1970 dalla famiglia Visconti-Venosta, è costituito da carte relative alla famiglia e da 7.500 opere su tematiche diverse, fra le quali si segnalano cinquecentine aldine, edizioni bodoniane e 36 incunaboli; 
FONDO ROERO DI CORTANZE - raccolta di opere in dialetto piemontese appartenuta ai marchesi Roero di Cortanze, consta di 215 volumi e di 700 pezzi fra estratti, opuscoli, fogli sciolti, manoscritti e annate di periodici;
FONDO MUSICALE - formato da circa 1.736 spartiti, manoscritti e a stampa, composti in onore dei Sovrani e da una nutrita collezione di libretti di opere sette-ottocentesche;
FONDO FOTOGRAFICO - oltre 400 album fotografici per lo più pervenuti in Biblioteca come omaggi ai Sovrani.

Presso la Biblioteca sono inoltre consultabili, su prenotazione, le opere conservate nella Biblioteca della Basilica di Superga e affidate alla Biblioteca Reale.

Condividi su:

torna all'inizio del contenuto