Titolo+CondividiSu
Titolo CondividiSu

Le donne di Dante - spettacolo

Alla Biblioteca Universitaria di Pavia, mercoledì 24 novembre alle 17, nel Salone Teresiano, un recital per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Mercoledì 24 novembre alle 17, nel Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia, si terrà lo spettacolo Le donne di Dante l’ultimo, in ordine di tempo, degli spettacoli di Dante a teatro, progetto di Giuliana Nuvoli nato nel 2009 nell’Università degli Studi di Milano e ora realizzato dall’Associazione Culturale Dante e le arti.

Lo spettacolo è composto da nove monologhi di altrettanti personaggi femminili della Divina Commedia, introdotti da una breve narrazione sulla loro figura. Ogni personaggio è accompagnato da un commento musicale che ne sottolinea il carattere.

In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, il poema dantesco si mostra, ancora una volta, miniera preziosa per portare sulla scena il dramma di molte di loro: violentate, usate come merce di scambio, uccise. A partire da Francesca da Rimini, costretta al matrimonio per ragioni di stato e poi uccisa; e come lei costrette a matrimoni non desiderati Costanza d’Altavilla e Piccarda Donati. E, tenera figurina, Pia de’ Tolomei, uccisa dal marito quando diventò ostacolo ai suoi desideri. Andando indietro nella Roma di Cesare, anche Marzia venne “venduta” dal marito Catone al più potente e ricco Ortensio. Ultima delle nove figure femminili, Maria, che incarna lo strazio di tutte le Madri a cui il potere maschile toglie per sempre il figlio.
La partecipazione all'evento è su prenotazione con Affluences, fino a esaurimento posti, cercate la data dell’24 novembre qui:
https://affluences.com/biblioteca-universitaria-di-pavia-mic/reservation
Si entra solo con il Green Pass.

Informazioni

Data: 24 novembre 2021 ore 17:00
Telefono: 0382 24 764
Url Web: www.bibliotecauniversitariapavia.it

Dove

Biblioteca Universitaria - Pavia
Città: Pavia
Indirizzo: Strada Nuova, 65
Regione: Lombardia


Condividi su:

torna all'inizio del contenuto